IN EVIDENZA 

La ZTL Centrale cambia il perimetro
Dal 31 maggio 2010 la ZTL Centrale cambia i propri confini e sostituisce la vecchia ZTL Ambientale.
Con questa modifica l'AMBULATORIO VETERINARIO ASSOCIATO viene a trovarsi all'interno dell'area ZTL
La nuova area è vietata al transito dei veicoli non autorizzati dal lunedì al venerdì,
solo dalle 7.30 alle 10.30
ed è identificata con la dicitura ZTL Centrale secondo il perimetro indicato dalla mappa. Gli accessi alla ZTL sono controllati con telecamere sui varchi elettronici.
Fino al 4 luglio sarà attivo un periodo di pre-esercizio per le nuove porte elettroniche, per cui saranno rilevate le targhe dei veicoli in ingresso ma non verranno applicate le sanzioni.

Recarsi all'Ambulatorio posto nella ZTL Centrale 

DOPO le 10,30 NON esistono restrizioni se non quelle relative alla Zona Ambientale (verificare Euro1-3 tipologia di vettura)
PRIMA delle 10.30: per URGENZE MEDICHE documentate dall'ambulatorio, è possibile, con apposito certificato e comunicando il numero di targa alla struttura sanitaria, inviare un modulo a GTT S.p.A. DIVISIONE PARCHEGGI per evitare la sanzione
  • Veterinari Associati
  • Veterinari Associati
  • Veterinari Associati
  • Veterinari Associati
  • Veterinari Associati
  • Veterinari Associati
  • Veterinari Associati
  • Veterinari Associati
  • Veterinari Associati
Home
 

LA PERITONITE INFETTIVA FELINA

Ricordiamo che la Peritonite Infettiva Felina (FIP) è una malattia sostenuta da coronavirus felini (FCoV). Nella gran parte dei gatti, i FCoV non causano patologia: vivono nell’intestino e vengono trasportati nell’organismo dai normali monociti del sangue. La trasmissione dei virus da gatto a gatto avviene attraverso le feci e per contaminazione fecale dell’ambiente, ed è quindi più probabile negli ambienti dove sono presenti numerosi animali (allevamenti, colonie, ecc…).

Per maggiori informazioni vedere all'interno dello steSso sito il capitolo FIP.

 

APPROCCIO DIAGNOSTICO ALLA FIP

 

A tutt'oggi a parte l’esame istologico degli organi colpiti, non esistono test in grado di confermare un sospetto clinico di FIP.

In caso di sintomi sospetti è opportuno esaminare:

  • il segnalamento (la FIP si sviluppa di solito in gatti di età tra inferiore a 18 mesi o superiore ai 10 anni)

  • la storia clinica (età, ambiente di provenienza, fenomeni stressanti, sintomi e decorso compatibili con FIP)

  • utilizzare un pannello di esami composto da:

    • esame emocromocitometrico, che evidenzia modica anemia e diminuzione dei linfociti

    • elettroforesi delle proteine, che evidenzia aumento di proteine totali, alfa e gamma globuline

    • il dosaggio della alfa1-glicoproteina acida (AGP), che aumenta.

    •  

  • Nella forma umida si può anche esaminare il versamento, che appare giallo e denso, ha un elevato peso specifico ed è ricco di proteine e g-globuline. Sul versamento si possono anche eseguire esami citologici che rivelano un quadro infiammatorio e che possono essere usati per ricercare i FCoV all’interno dei macrofagi mediante immunofluorescenza o immunoistochimica.

  • Nelle forme secche è altamente diagnostica l’evidenziazione diretta delle lesioni su campioni d’organo (es. fegato o rene) raccolti mediante biopsia eventualmente corredata da immunoistochimica per FCoV positiva, ma spesso le condizioni generali del soggetto sconsigliano anestesia e prelievo bioptico.
    By :Saverio Paltrinieri, DVM, PhD, dipl ECVCPDipartimento di Patologia Animale, Igienee Sanità Pubblica VeterinariaSezione di Patologia Generale Veterinariae Parassitologia
. Università di Milano

  • schematicamente si riassumono i test utilizzabili per indirizzarsi verso la conferma o l'esclusione della FIP:

    • 1. Anticorpi (Ac) anti-coronavirus felini (FcoV):
      gatti con la forma effusiva di FIP spesso hanno titoli anticorpali verso i FCoV ≥640, mentre I titoli nei pazienti con forme non-effusive sono molto più variabili. Tuttavia ricordiamo che un titolo positivo o la dimostrazione della presenza dell'infezione non indica necessariamente che il gatto abbia la FIP.

    • 2. rapporto Albumine:Globuline (A:G)

      • un rapporto A:G <0.5 aumenta il sospetto di FIP

      • un rapproto ≥0.5 riduce il sospetto di FIP

 

  •  
    • 3. α1-acid glycoprotein (AGP)

      • la concentrazione di α1-AGP nei gatti sani è solitamente <500 μg/mL.

      • α1-AGP <1500 μg/mL ha un ridotto indice di sospetto di FIP

      • α1-AGP ≥1500 μg/mL aumentato indice di sospetto di FIP

      •  

    • 4. ematologia e citologia

      • forma Effusiva di FIP:

        • moderato contenuto cellulare <5 x 109 cellule/L principalmente neutrofili e macrofagi.

        • liquido viscoso con facilità a formare agglomerati densi

        • concentrazione proteica normalmente >35 g/L