IN EVIDENZA 

La ZTL Centrale cambia il perimetro
Dal 31 maggio 2010 la ZTL Centrale cambia i propri confini e sostituisce la vecchia ZTL Ambientale.
Con questa modifica l'AMBULATORIO VETERINARIO ASSOCIATO viene a trovarsi all'interno dell'area ZTL
La nuova area è vietata al transito dei veicoli non autorizzati dal lunedì al venerdì,
solo dalle 7.30 alle 10.30
ed è identificata con la dicitura ZTL Centrale secondo il perimetro indicato dalla mappa. Gli accessi alla ZTL sono controllati con telecamere sui varchi elettronici.
Fino al 4 luglio sarà attivo un periodo di pre-esercizio per le nuove porte elettroniche, per cui saranno rilevate le targhe dei veicoli in ingresso ma non verranno applicate le sanzioni.

Recarsi all'Ambulatorio posto nella ZTL Centrale 

DOPO le 10,30 NON esistono restrizioni se non quelle relative alla Zona Ambientale (verificare Euro1-3 tipologia di vettura)
PRIMA delle 10.30: per URGENZE MEDICHE documentate dall'ambulatorio, è possibile, con apposito certificato e comunicando il numero di targa alla struttura sanitaria, inviare un modulo a GTT S.p.A. DIVISIONE PARCHEGGI per evitare la sanzione
  • Veterinari Associati
  • Veterinari Associati
  • Veterinari Associati
  • Veterinari Associati
  • Veterinari Associati
  • Veterinari Associati
  • Veterinari Associati
  • Veterinari Associati
  • Veterinari Associati
Home

In questa sezione riportiamo alcune delle domande che più frequentemente ci vengono poste. 

Iniziamo con la FIP:   

1. Quali test sierologici sono disponibili per la diagnosi della FIP?

Ci sono due tipi di test utilizzabili per evidenziare una infezione da FCoV. Essi possono identificare gli anticorpi (test ELISA, omologo del test KELA; siero neutralizzazione; IFA) od il virus (RT-PCR). I test attualmente utilizzabili rilevano gli anticorpi contro il FIPV, ma non indicano la presenza della malattia in atto

Entrambi possono però risultare positivi anche in gatti sani. Il test migliore per la ricerca degli anticorpi è l’IFA.


 

2. Che significato ha il riscontro di anticorpi anti-coronavirus?

I test sierologici indicano soltanto se i gatti, sani od ammalati, sono stati infettati da un FCoV in passato. Possono essere utilizzati per controllare la presenza dell'infezione e come ausilio diagnostico della FIP.

IMPORTANTE: non sopravvalutare il significato di un titolo positivo


 

3. Che segni possono indicare che il FCoV e' arrivato nell'ambiente?

La manifestazione più comune di FIP, sia negli allevamenti che nella popolazione generale, è del tipo enzootico, cioè caratterizzato dalla comparsa sporadica della malattia, che può provocare la morte di uno o più gattini di una singola cucciolata (3). Questo tipo di apparizione si verifica tipicamente molte settimane o mesi dopo che un gattino è stato venduto e sistemato nella nuova abitazione.

I gattini che si ammalano possono aver sofferto in passato di diarrea per settimane prima della vendita, essere più piccoli degli altri gattini della stessa età o possono aver presentato segni clinici transitori di infezioni del tratto aereo superiore (3).

Un secondo tipo di manifestazione negli allevamenti può essere di tipo epizootico. In questo caso si può avere l’esplosione della malattia su grande scala, con la morte del 35% o più dei gatti (per lo più gattini e adolescenti). Sebbene la causa di questo tipo di manifestazione non sia conosciuta, si è ipotizzato che possa essere causata dalla introduzione di un gatto infetti nell’allevamento per la prima volta.

 

4. Uno dei miei gatti ha la FIP, devo isolarlo dagli altri?

No! I FCoV sono molto contagiosi e nel momento in cui la malattia si manifesta in un animale, gli altri soggetti hanno già contratto il virus.


 

6. Un gatto muore di FIP! Dobbiamo testare gli altri soggetti?

Non è necessiario. Ci possono essere due motivi per farlo:

- siete ansiosi di avere una prognosi per i vostri gatti;

- si vuole introdurre un altro gatto nell'allevamento;

Deve però essere chiaramente spiegato che testando subito l'allevamento vi sono moltissime probabilita' che tutti o quasi i soggetti risultino positivi. In un gattile in cui si sia avuta la FIP fino al 90% dei gatti può risultare positivo.

Questo risultato non indica però necessariamente una prognosi infausta; vi sono dal 3 al 16% di possibilità che un gatto esposto possa sviluppare una FIP nel corso della sua vita.

I gatti che sono stati esposti 1 volta sola (o poche) eliminano gli anticorpi circolanti in alcuni mesi. Può quindi essere utile ripetere l’esame dopo 6-12 mesi dal primo test per valutare la diminuzione dei titoli anticorpali.

Nuovi gatti non dovrebbero essere introdotti sino a che nell'allevamento ci sono dei positivi.

Un gatto sieronegativo ha un rischio molto alto di sviluppare la FIP (da 1 a 6 volte maggiore) se introdotto in un gattile infetto


 

7. Il mio gatto muore di FIP; dopo quanto tempo posso prenderne un altro?

I FCoV non sopravvivono molto nell’ambiente in condizioni generali, per cui se prendiamo un altro gatto a distanza di alcune settimane non dovrebbero esserci grandi rischi. Il virus può però vivere più tempo all’interno di materiale organico secco; è quindi opportuno disinfettare accuratamente tutto l’ambiente e le attrezzature dell’animale dopo che questo è deceduto, con particolare attenzione per le lettiere, dalle quali è importante eliminare accuratamente ogni traccia di materiale organico secco. A tal fine è ottimale l’utilizzo di sodio ipoclorito (candeggina) diluito 1:32 in acqua.


 

8. Può il personale (l’uomo) facilitare la trasmissione del virus agli animali?

Si! In seguito alle operazioni di pulizia della lettiera e di somministrazione del cibo è possibile il trasferimento di materiale fecale o saliva da una lettiera all’altra o dal cibo di un gatto ad un altro.


 

10. Il mio gatto è infetto da un FCoV (test Ac positivo); come posso ridurre il rischio che modificandosi possa indurre una FIP?

Solamente il 10% dei gatti infettati da un FCoV svilupperà una FIP. I gatti che sviluppano la malattia tipicamente hanno una storia di eventi stressanti avvenuti qualche settimana prima che si presentino i segni clinici per cui gatti con un test Ac-FCoV positivo non devono essere stressati; se possibile evitare la castrazione o operazioni simili, se non strettamente necessario e non introdurre altri animali. (Vd. Anche punti 4,6,9)